Rattidi

Razze - Rattidi 2

I Rattidi sono degli esseri per metà umani e per metà ratto. Egoisti ed approfittatori, sono però forti con i deboli e deboli con i forti, vittime della propria paura di tutto ciò che possa essere anche lontanamente minaccioso per la propria vita.
Ogni Rattide è inoltre avido, e i rapporti con gli altri della propria razza o di razze diverse è fatto solo per convenienza o per timore.
I loro grandi dentoni incisivi storpiano normalmente il loro modo di parlare, soprattutto nella loro pronuncia delle consonanti dentali (ovvero della T).
Tanto è il loro timore di tutto, che ogni Rattide sviluppa, fin da cucciolo, la innata capacità di fingersi morto per alcuni minuti, per scampare i pericoli più mortali.
I Rattidi però covano spesso collera o risentimento per chi li obbliga alla sottomissione. Una vendetta che il Rattide potrebbe prendere nel momento in cui il sottomissore mostra un suo punto o lato debole. Ovviamente il Rattide tenterà la sua rivincita senza troppo esporsi o rischiare.

Organizzazione politica e sociale

Ampiamente presenti nel Tacco, i Rattidi rifuggono solitamente le comunità di altre razze. Essi vivono normalmente in piccole o medie comunità, situate nelle zone interne del Regno. Una Tana di Rattidi, creata solitamente in caverne sulle alture, nelle lame o sottoterra, può ospitare dalle poche unità alle centinaia di Rattidi.
Non vi è mai, però, una grande organizzazione gerarchica. In ogni gruppo contingente, da piccolo a enorme che sia, il più grande e forte assume le funzioni del capo.
Ogni rattide, infatti, obbedisce per timore, più che per rispetto gerarchico. Se potrà, un rattide farà di nascosto ciò che più gli aggrada, anche contro il volere del proprio capo. I gruppi sono molto utili al Rattide poiché un grande numero può garantire una grande protezione dai pericoli.
Il capo dei Rattidi di una Tana numerosa è solitamente chiamato Re dei Rattidi, sebbene sia il maggiore solo della propria Tana e non veda le altre Tane come possibili alleate.
Tutto ciò che è diverso dal proprio gruppo/Tana è infatti per il Rattide solo una buona fonte di risorse da razziare non appena possibile.

Religione

Yyiky è il Dio dei Rattidi. E’ solitamente rappresentato, nelle Tane maggiori, come un grande ratto guerriero, che affronta,  con scudo e lama, un enorme orso divino.  La natura dei Rattidi li rende un popolo particolarmente religioso, incline alla sottomissione ad un dio forte che possa aiutarli nel momento opportuno. I Rattidi sono anche molto superstiziosi, seguendo qualsiasi credenza, vera o supposta, dichiarata da uno sciamano amico.

Altre razze

I Rattidi sono estremamente diffidenti di tutto e soprattutto di tutti: a partire dalle razze diverse dalla propria, per continuare con i rattidi non appartenenti alla propria Tana, e finire con il dubitare spesso anche di quelli della propria comunità.
Più una razza è minacciosa, più un rattide se ne starà alla larga, sia individualmente che come gruppo, aspettando però che questa lasci incustodito qualche suo bene, magari per appropriarsene.
Questo atteggiamento timoroso dei Rattidi è accolto benevolmente soprattutto dalla razze più autoritarie e crudeli, che vedono in esso una sottomissione alla propria forza, creando dei superficiali rapporti di collaborazione, ad esempio con elfi oscuri e pelleverde, sempre conclusi con i rattidi che scappano nel momento della disfatta, o che tendono a razziare (amici o nemici, a seconda dell’esito degli scontri e delle missioni comuni) prima di scomparire.
Le razze più nobili o aggraziate, come gli elfi o gli esseri fatati, tendono invece a reputare i rattidi degli esseri rivoltanti.

Elementi Distintivi in Gioco

Dentoni, naso nero, baffi finti o disegnati (o maschera). Opzionali: Orecchie e/o coda, trucco grigio.

Razza non giocabile tranne se non con approvazione masteriale